Come muoversi agilmente in Togo: ecco i consigli pratici

Apr 19, 2020 | Africa, Togo, Viaggi

Quando si è alle prese con l’organizzazione di un viaggio fai da te in Togo, uno degli aspetti di cui senz’altro bisogna tenere maggiormente conto è quello che riguarda gli spostamenti interni. Se hai già avuto modo di calpestare il terreno polveroso di un qualsivoglia Paese dell’Africa, immagino tu sappia di cosa sto parlando.

Dopotutto, sapere come muoversi all’interno di un Paese che conta innumerevoli strade sterrate e lunghi tratti asfaltati sottoposti a drastiche e reiterate manutenzioni, è di vitale importanza per riuscire ad ottimizzare il proprio tempo a disposizione, risparmiare denaro e, perchè no, imparare a districarsi, con eleganza, in qualsiasi situazione, anche la più contorta.

In tal senso, al fine di renderti la vita facile, nell’articolo che segue ho stilato una serie di consigli pratici su quali mezzi di trasporto è meglio utilizzare per raggiungere agilmente, salvo imprevisti, sempre dietro l’angolo, la destinazione prescelta. Sei dunque pronto a metterti in moto? Ma non in senso metaforico, mi raccomando!

Come muoversi agilmente in togo: la moto-taxi

Se alloggi in città o in un piccolo centro abitato e desideri spostarti di alcune centinaia di metri o di alcuni chilometri per recarti al mercato o in qualche negozio del quartiere, non puoi esimerti dal salire sulla scomoda sella di uno zémidjans, comunemente chiamato moto-taxi o taxi-moto, in francese. Si tratta di un trabiccolo a due ruote, lento, un pò datato, ma tutto sommato affidabile, adibito al trasporto di uno o due persone, sul quale, per girare, non è richiesto l’uso del casco, considerato, come la cintura, un optional. Qualora utlizzassi ripetutamente la moto-taxi, ti consiglio di procurartene uno per proteggerti da eventuali cadute accidentali: non si sa mai! Nel caso rimanessi a piedi, ti è sufficiente scendere e salire su un’altro.

I conducenti, spesso giovani ragazzi alle dipendenze di uno sfruttatore, si annunciano con il suono ripetuto del clacson accompagnato dall’inconfondibile grido: “Taxi, taxi”. Non dimenticarti che sei yovo, una persona dalla carnagione bianca e di conseguenza la tariffa che ti può essere richiesta per un passaggio, anche breve, aumenta automaticamente. In tal caso, onde evitare litigi che potrebbero facimente innervosirti, ti consiglio di contrattare sempre il prezzo prima di partire. In città, me la sono quasi sempre cavata con 150 o 200 FCFA una cifra ragionevole, per non dire irrisoria. Se all’inizio ti risulterà fastidioso farlo, vedrai che a lungo andare questa pratica diventerà, anche per te, un divertente passatempo.

come-muoversi-agilmente-in-togo-ecco-i-consigli-pratici
Le zémidjans per le strade di Lomé – PhotoCredits @Africanway

il taxi e il taxi brousse

Se invece desideri testare mezzi di trasporto più comodi e apparentemente sicuri, ecco che a venire incontro alle tue esigenze ci sono il taxi e il taxi brousse, una sorta di minivan a nove, dodici o quindici posti che viene solitamente utilizzato per effettuare spostamenti a lungo raggio e per il quale è previsto il pagamento di un prezzo fisso, stabilito in base alla destinazione che si intende raggiungere. In entrambi i casi si tratta di vetture sprovviste di tassametro, guidate da pseudo-tassisti privi di regolare licenza. Va da sè che l’appellativo “taxi”, in Togo, non è del tutto appropriato, almeno per come lo intendiamo noi. Quindi, sei avvisato!

Per fare cassa, infatti, i tassisti si ritrovano costretti a stiparli ben oltre il limite consentito, con chiunque abbia necessità di un passaggio. Quando sali a bordo fai attenzione a dove appoggi le natiche, poichè potresti ritrovarti improvvisamente seduto sulla leva del cambio!

Mentre il taxi è facilmente reperibile un pò ovunque, per usufruire del taxi-brousse è necessario dirigersi alla gare-routière, l’autostazione presente in tutte le città, individuare l’area di sosta del mezzo, presentarsi e consegnare gli eventuali bagagli al conducente, a cui è necessario pagare, per gli stessi, un sovrapprezzo. Penserà lui a metterli in sicurezza, legandoli con dei grossi ganci elastici al portabagagli fissato sul tettuccio del veicolo.

come-muoversi-agilmente-in-togo-ecco-tutti-i-consigli-pratici
Il taxi-brousse – PhotoCredits @Gilles_Paire

come muoversi agilmente in togo: noleggiare UN’AUTO

Dulcis in fundo, se pensi di noleggiare un’auto è bene che tu sappia che al nuovo Aeroporto Internazionale Gnassingbé – Eyadéma di Lomè, inaugurato nel 2016, non ci sono compagnie di autonoleggio alle quali rivolgersi. Neppure le più rinomate Europcar o Hertz, i cui uffici si trovano dislocati nei suoi dintorni.

Tuttavia, utilizzando i motori di ricerca hai comunque la possibilità di verificare quali sono le compagnie che operano in Togo, scegliere quella che più fa al caso tuo ed effettuare la prenotazione online. Indipendentemente dal modello di veicolo scelto e dal tipo di assicurazione stipulata, tutte le compagnie offrono soluzioni in grado di soddisfare ogni tua esigenza. Per guidare in Togo è necessario avere con sè la patente di guida internazionale, conseguibile c/o gli uffici della motorizzazione o dell’ACI, solo se richiesta almeno un mese prima della partenza.

Guidare in Togo

In Togo, lo confesso, non ho mai imbracciato un volante neanche per scherzo. In qualità di passeggero, però, o meglio di cavia, ne ho viste delle belle. Il modo di guidare dei togolesi è scriteriato e il rischio di essere coinvolti in incidenti con i proprietari di veicoli non coperti da un’assicurazione o privi di patente è una probabilità da non sottovalutare. Con questo, ovviamente, non voglio scoraggiarti, ma è bene che tu sappia come comportarti.

Qualora non te la sentissi di rischare la pelle, puoi optare per il noleggio di un’auto con conducente, una soluzione semplice e veloce che ti consente di eliminare stress e preoccupazioni legate a problemi meccanici, talvolta irrisolvibili anche per il più caparbio, competente ed estroso dei riparatori. Guidare o non guidare, è questo il…dilemma shakespeariano in Togo!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About me

Mi chiamo Simone Gentilini e sono un bolognese DOC nato nel novembre del 1974. Il 4 per essere precisi, la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze armate, quella che un tempo era una festa sentita ma oggi un giorno qualsiasi presente sul calendario.
Nella vita svolgo un fricandò di attività che, seppur con qualche affanno di troppo, mi consentono di vivere la mia vita in maniera dignitosa.
Sono un operatore socio sanitario, un insegnante di lingue straniere e un accompagnatore turistico.

Dai social…

Iscriviti alla mia newsletter

Privacy

Ti sei iscritto con successo! Grazie e a presto

Share This